DIARIO DI VIAGGIO PARTE II: Sesta tappa PRATOLINO

LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ELETTORALE

Sesta tappa PRATOLINO

Ieri sera penultimo incontro con i cittadini (l’ultimo sarà al Circolo Arci delle Caselline con apericena venerdì prossimo), in cui abbiamo raccontato il programma per la Vaglia dei prossimi cinque anni, se i cittadini ci sceglieranno per amministrare.

Tante le persone intervenute e al tavolo con me, oltre ai candidati consiglieri, c’era l’ assessore ai lavori pubblici e ambiente del comune di Scarperia e San Piero, nonché segretario metropolitano del PD Marco Recati.

Tra gli interessanti interventi seguiti all’illustrazione ci sono state le parole di Recati, che dopo essersi soffermato sull’importanza delle elezioni europee, ha illustrato tutto quello che è successo con l’attuale amministrazione insistendo sulla necessità di fare squadra con i comuni limitrofi per poter migliorare la vita dei cittadini.

A seguire è intervenuta Donatella Golini, assessore al bilancio e alle pari opportunità del comune di Sesto Fiorentino, che ha invece sottolineato la necessità di una svolta nel nostro comune (dove lei risiede). Stavolta si parla di una svolta sia dal punto di vista umano, che dal punto di vista dell’approccio con i cittadini, che in questi anni è stato quanto di più deleterio possibile.

Durante l’assemblea sono state anche poste le problematiche della frazione:

  • La sicurezza sulla Bolognese (semaforo, strisce quasi invisibili, marciapiede).
  • Il cimitero nel quale i loculi sono quasi terminati e non è previsto un ampliamento.
  • Il parcheggio di fronte al parco Demidoff che deve essere assolutamente integrato con quello interno alla villa.
  • L’amianto sul tetto del Banti per il quale il Sindaco uscente avrebbe dovuto fare un’ordinanza come prevede la legge già un anno e mezzo fa quando è emersa la vicenda.
  • I cantieri fermi che deturpano parte del paese.
  • La rivalorizzazione del percorso vita in Garena che da tempo è completamente abbandonato a se stesso.

Poi c’è stato spazio per gli interventi dei presenti che hanno spaziato dalla necessità di incrementare l’impegno per le fasce socialmente deboli al problema della scuola Barellai. Problema già ampiamente spiegato nelle altre assemblee, ma confermato anche ieri sera, ribadendo la nostra ferma convinzione che la scuola a Pratolino non solo si può, ma si deve mettere in sicurezza.